Giardino, astrologia e…

giardino autunnale

Novembre

La stagione chiede di metterci a riposo, la natura è di tutt’altro avviso, in giardino, nell’orto ci sono un sacco di cose da fare! Rinfreschiamoci la memoria:

Dovremo potare gli alberi e gli arbusti che perdono le foglie. (Ci sono zone a clima mite, come la Sardegna, dove gli alberi ritardano a spogliarsi, aspettiamo, quando i rami saranno completamente privi di foglie , accorciamo i rami)

Trapiantiamo le piantine che abbiamo acquistato o che abbiamo ottenuto dalle semine. (togliamole dai vasetti con il pane di terra e piantiamo a dimora)

Se in primavera vogliamo vedere le nostre aiuole fiorite, piantiamo ora i bulbi che fioriranno in primavera-estate

Abbiamo tanti arbusti che sono ancora in piena fioritura (es. le bouganville, la plumbago, i gelsomini ecc.) è il momento di cimare, preparare talee legnose, (naturalmente quando non ci sono più foglie!)

Diamo una buona potatura ai rampicanti (es. il glicine) affinchè non trattengano la neve il prossimo inverno

E il prato? Chi ha la fortuna di possedereun bel prato, grande o piccolo che sia, dovrà pacciamarlo con un buon letto di letame maturo, lo proteggerà dalle gelate, renderà il terreno più fertile garantendo una felice ripresa vegetativa dei nuovi cespi d’erba

Potiamo le rose, giù fino quasi a terra, (anche in questo caso quei cespugli che non hanno nuovi boccioli). Utilizziamo lo sfalciato per preparare nuove talee  da mettere direttamente in piena terra. (Per vedere quali talee hanno attecchito basterà osservare la cima della porzione di ramo, se è diventata scura ha radicato, se la parte scura è a contatto del terreno, estirpatela perchè non ce l’ha fatta!)

andate al  sito di Marista , ci sono tanti consigli utili per le rose http://www.maristaurru.com/index.php/Il-Giardino/Cesoia-Rastrello-di-MM-ROSE-che-fare-calendario-di-tutto-l-anno.html

Rincalziamo il terriccio intorno alle piante o i cespugli. Rialzando il terreno eviteremo il ristagno dell’acqua molto dannoso per le radici, mettiamo aghi di pino o altro materiale pacciamante (es. corteccia) intorno al “piede” delle piante, questo impedirà non solo il ristagno ma anche eventuali malattie fungine causate da foglie malate che tendono a marcire.

Se le temperature scendono al di sotto dei 10° è il caso di proteggere i cespugli con coperture adatte (di plastica che lasciano traspirare o di rete fitta.. il vostro fornitore vi consiglierà).

Mentre siamo lì che lavoriamo, non dimentichiamo di preparare il terreno per le future piantagioni primaverili. Vanghiamo, trituriamo bene la terra, concimiamo con letame maturo oppure con concimi a lenta cessione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: